Struttura Settore       Competenze
Home Page

Strumenti della pianificazione urbanistica

PUA Iniziativa Pubblica

PUA Iniziativa Privata

ERP - Edilizia residenziale convenzionata

Delibere Assessorato Urbanistica

Legislazione di riferimento

Trasparenza

F.A.Q.



» Home Page   » PUA Iniziativa Pubblica » PUA Ex Anagrafe

EX ANAGRAFE: IL LUOGO DELLA RIQUALIFICAZIONE  

Il Comune di Parma, nell’ambito delle iniziative volte alla tutela ed alla riqualificazione del Centro Storico della città, ha attivato la progettazione urbanistica dell’area compresa tra Via Rodolfo Tanzi, Borgo delle Grazie, Via Farnese ed il complesso monumentale di S.M. delle Grazie.

 

L’area è comunemente chiamata “Ex Gondrand”, dal nome dell’azienda di autotrasporti che l’ha utilizzata nel dopoguerra, oppure “Ex-Anagrafe”, data la funzione dell’edificio ora dismesso, che vi è sorto negli anni ’60.   Estesa per mq. 5.080 e situata nel Centro Storico,  rappresenta uno dei “nodi progettuali” irrisolti più importanti della città.  Attualmente, anche in seguito alla dismissione dell’edificio dell’anagrafe comunale, si presenta quale vuoto progettuale all’interno del tessuto abitativo compatto dell’Oltretorrente compreso tra il Parco Ducale e Via D’Azeglio e necessita con urgenza di un intervento appropriato che restituisca all’area la valenza storica e funzionale posseduta nel passato.

 

Sono tuttora evidenti le condizioni di degrado e di sottoutilizzo che l’hanno caratterizzata fin dal 1944, quando i bombardamenti compromisero le strutture della Chiesa di S. Teresa e gli altri corpi di fabbrica conventuali adiacenti, definitivamente rasi al suolo poi nel 1959. 

 

Il comparto rappresenta certamente un luogo nevralgico di elevata rilevanza storico – testimoniale; la progressiva antropizzazione dell’area, attuata già in epoca romana, poi longobarda e medievale, culmina con la costruzione del complesso conventuale delle carmelitane scalze.  La Chiesa e il convento di Santa Teresa d’Avila, risalenti al tardo rinascimento, sorgevano integri sino alla seconda guerra mondiale.

Il concretizzarsi dell’intervento,  permetterà quindi la riappropriazione urbana di un importante tassello del Centro storico, liberandone tutte le potenzialità.

Il recente riconoscimento della città di Parma, quale sede dell’Autority per la sicurezza alimentare, e l’adiacenza dell’area in oggetto, con quella del Giardino Ducale che ospita la sede rappresentativa di tale organismo, conferiscono al Piano una particolare pregnanza ed attualità.

La prevalente funzione residenziale prevista risponde altresì ad un documentato interesse della domanda di abitazioni.   Questo interesse conferma anche un più ampio processo che vede nelle aree libere, la possibilità di risposta alla domanda di alloggi nel  centro storico, sempre più aggredito dalle funzioni non residenziali.

 

Dal punto di vista progettuale il tema non è inedito, in quanto è stato affrontato, in epoca relativamente recente, sia in occasione del concorso di idee del 2002, sia dal progetto “Gino Valle” che aveva come principale oggetto, la riqualificazione del piazzale della Ghiaia.  Tali lavori hanno fornito utili spunti di riflessione alla elaborazione progettuale, tuttavia la decisione di relazionare le scelte architettoniche agli aspetti relativi alle preesistenze, e le indicazioni della Sovrintendenza, hanno orientato il lavoro verso una impostazione diversa. 

 


ALLEGATI
PDF   DELIBERAZIONE di C.C. n. 63 del 18/04/2005   [293 KB]
PDF   RELAZIONE TECNICA   [607 KB]
PDF   SCHEDA DATI   [232 KB]
PDF   NORME URBANISTICHE ED EDILIZIE   [686 KB]
PDF   DESTINAZIONI D'USO   [3,06 MB]
PDF   SPAZI APERTI   [984 KB]
PDF   SCHEMI TIPOLOGICI PIANO TERRA   [950 KB]
PDF   SCHEMI TIPOLOGICI PIANO PRIMO   [3,08 MB]
PDF   SEZIONI PROSPETTI   [13,63 MB]
PDF   SEZIONI PROSPETTI   [15,01 MB]
PDF   RESTITUZIONI TRIDIMENSIONALI   [83,73 MB]
PDF   SCHEMA DI CONVENZIONE   [740 KB]